Strumenti Utente

Strumenti Sito


db:e_adesso_come_la_mettiamo

E adesso come la mettiamo?

Dall'intervista di “Avvenire1) il presidente dell'ISTAT Gian Carlo Blangiardo, 2) annuncia che i 2.200 dipendenti dell’Istituto di statistica, tutti in smart working a casa loro, «stanno collaborando intensamente con il ministero della Salute per costruire indagini sul campo che ci aiutino a vedere la parte sommersa dell’iceberg Covid». E rivela: «numeri alla mano, nello stesso periodo di tempo, l’anno scorso, sono morte più persone per malattie respiratorie che quest’anno per Covid-19».

Alla domanda: Questo, comunque, è un virus per vecchi?

Risponde: «Sì, i dati che stanno emergendo circa la mortalità dicono chiaramente che colpisce in maniera molto prevalente persone anziane: è quasi un terribile processo di selezione naturale che elimina i soggetti deboli. Terribile. Ma ancor più terribile perché appare in qualche modo facilitato dalla nostra [in]capacità di curarli“.

Alla successiva domanda: Dal 21 febbraio al 31 marzo sono morte 12.428 persone per Covid 19. Quanti sono i morti di influenza nel mese di marzo (nel quale, quest’anno, si sono concentrati i decessi di coronavirus) degli anni scorsi?

Precisa: «Più che i morti per influenza, che è più difficile da attribuire come effettiva causa di morte, conviene ricordare i dati sui certificati di morte per malattie respiratorie. Nel marzo 2019 sono state 15.189 e l’anno prima erano state 16.220. Incidentalmente si rileva che sono più del corrispondente numero di decessi per Covid (12.352) dichiarati nel marzo 2020».

Numeri, relativi al Covid-19, che sappiamo gonfiati per testimonianze dirette raccolte un po' ovunque, di persone direttamente coinvolte che hanno contattato la nostra Redazione, ma che pretendono l'anonimato. Come pare sia accaduto (e tuttora accada) anche in: Romania, Slovenia, Bosnia e Croazia, laddove si conferma che offrano «da 1.000 a 4.000 Euro a ogni persona che accetti di sottoscrivere una diagnosi di Covid-19 come causa di decesso del congiunto o parente stretto». Specificando che «C'è molta fretta di gonfiare i numeri e sono coinvolti medici e dirigenti di strutture ospedaliere… c'è molta forza finanziaria a supporto di questa truffa!».

E tale “forza finanziaria” pare sia superlativa negli States: 13.000 US$ e 33.000 US$ per ogni caso registrato, come denunciato dalla scienziata Judy Mikovits sul censuratissimo Plandemic e confermata dalla dott.ssa Deborah Birx, amministratore della “Task Force Coronavirus” della Casa Bianca: ”Tasso di mortalità COVID-19 gonfiato del 25% (GGI - 11/05/2020)“

Naturalmente, non possiamo giustificare le affermazioni di chi non vuole esporsi direttamente, ognuno quidi, se vuole, può approfondire facendo le proprie ricerche. In ogni caso, abbiamo anche, sempre dati alla mano, chi espone queste tristi realtà direttamente, o per lo meno, ci porta sulla stessa strada:

Infowars (14 luglio 2020) articolo di Adan Salazar: “COVID Testing Scandal: 333 Labs Report 100% of People Testing Positive for Coronavirus”, laddove il professore della Florida Atlantic University, Rebel Cole, ha pubblicato una lista di risultati prodotti da diversi laboratori che ha definito uno “scandalo chiedendo la copertura della stampa”.

Riportiamo un aggiornamento del 16 luglio 2020, apparso sul londinese CEBM, 3) laddove, in seguito alla denuncia congiunta di due scienziati: Yoon K Loke (professore di medicina e farmacologia) e Carl Heneghan (professore di medicina e direttore dello stesso CEBM) che ha posto in evidenza il grave difetto delle statistiche prodotte dal PHE (Public Health England), il segretario di Stato alla salute pubblica del Regno Unito, Matt Hancock, ha ordinato una “revisione urgente” sul modo in cui il Public Health England calcola i numeri delle morti per coronavirus: «Un paziente che è risultato positivo, ma trattato con successo e dimesso dall'ospedale, sarà comunque conteggiato come una morte COVID anche se ha avuto un attacco di cuore o è stato schiacciato da un autobus tre mesi dopo».

E non dimentichiamoci delle dichiarazioni del dott. Stefano Montanari a proposito dei tamponi già infetti… e… perché no?… anche de ”La bufala del giorno: nuovi contagi a Cremona. Figuraccia di Corriere e Repubblica“ (Video pubblicato su ”Extrapedia Channel“)…

Tutto si può manipolare” incalza Marco Tarquinio, direttore di Avvenire, sullo stesso tema dibattuto con un utente in ”Lettere al Direttore“…

Ora, non vi resta che rallegrarvi, perché ”il vaccino funziona. L’obiettivo è distribuirlo senza sperimentazione. L’Ue si sta adoperando per ottenere un’autorizzazione speciale (La Stampa)“. Argomento che, i soliti “cazzoni” cacciatori di bufale a senso unico, si sono ben guardati di smentire!

lastampa_01.jpg

Qualora, poi, vi obbligassero a vaccinarvi contro questo fantomatico Coronavirus e, in conseguenza di ciò, vi ammalerete (o morirete come è accaduto ai bimbi senegalesi morti, “obbligati” come cavie a sperimentare il vaccino contro il Covid-19), potete sempre ricorrere alla magistratura italiana… 4)

giustizia_01.jpg

ESULTATE! Perché siete in una ”botte di ferro“…


Per approfondimenti si veda il ”Rapporto ISTAT“ del 9 luglio 2020


15 luglio 2020
Aggiornato 19 luglio 2020
Redazione di Extrapedia

1)
Avvenire - 2 aprile 2020 - “Coronavirus. Blangiardo (Istat): nel 2019 a marzo 15mila morti per polmoniti varie
2)
Gian Carlo Blangiardo è un accademico e statistico italiano, presidente dell'ISTAT dal 4 febbraio 2019. Laureato nel 1971 in economia e commercio presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore, ha svolto successivamente attività di ricerca in statistica e demografia all'Università degli Studi di Milano. Dal 1978 al 1998 ha insegnato demografia presso il medesimo ateneo, per poi passare all'Università degli Studi di Milano Bicocca. Ha svolto collaborazioni scientifiche a livello istituzionale ed è stato membro di diversi comitati nazionali e regionali a carattere demografico e statistico.
3)
Il CEBM fa parte del Nuffield Department of Primary Care Health Sciences dell'Università di Oxford ed è guidato dal professor Carl Heneghan come direttore
4)
Questo articolo prende spunti da: Non avete ancora capito? di Maurizio Blondet
db/e_adesso_come_la_mettiamo.txt · Ultima modifica: 19/07/2020 08:01 da @Staff R.