Strumenti Utente

Strumenti Sito


db:filosofia_del_linguaggio

Filosofia del linguaggio

Approfondimenti

Info

Quest'argomento non è collegato ad altri approfondimenti correlati. Si consiglia, in ogni caso, di controllare sempre [ l'Indice ] degli Approfondimenti

Questa pagina è solo improntata in attesa di completamento da parte dei Collaboratori. Se sei interessato a collaborare attivamente con Extrapedia, leggi come fare [ Collabora ]

La Filosofia del linguaggio, alla fine del diciannovesimo secolo, entra nella tradizione analitica, nell'esplorazione della logica, nella natura del significato e nei resoconti della mente.

Gottlob Frege e Betrand Russell erano figure chiave. Questi scrittori di lingua inglese furono seguiti da Ludwig Wittgenstein (Tractatus Logico-Philosophicus), dal Circolo di Vienna, nonché dai positivisti logici e da Willard van Orman Quine. Un lavoro fondamentale è stato il “Cours de linguistique générale” di Ferdinand de Saussure, pubblicato postumo nel 1916.

La Filosofia del linguaggio può investigare le relazioni tra lingua, utenti della lingua e mondo. Il suo scopo può includere l'indagine sulle origini del linguaggio, sulla natura del significato, sull'uso e sulla cognizione del linguaggio. Si sovrappone in parte allo studio dell'Epistemologia, della Logica, della Filosofia della mente oltre ad altri campi (inclusa la Linguistica e la Psicologia).

In un senso più ampio si può dire che la Filosofia del linguaggio esplora la relazione tra linguaggio e realtà. In particolare, studia questioni che non possono essere affrontate da altri campi, come la linguistica o la psicologia. I principali argomenti nella Filosofia del linguaggio includono la natura del significato, l'intenzionalità, il riferimento, la costituzione di frasi, concetti, apprendimento e pensiero.


Qualora alcuni link non funzionassero, si prega di comunicarlo allo Staff - staff@extrapedia.org


db/filosofia_del_linguaggio.txt · Ultima modifica: 13/04/2019 16:05 (modifica esterna)