Strumenti Utente

Strumenti Sito


db:economia_femminista

Economia femminista

Approfondimenti

Info

Quest'argomento non è collegato ad altri approfondimenti correlati. Si consiglia, in ogni caso, di controllare sempre [ l'Indice ] degli Approfondimenti

Questa pagina è solo improntata in attesa di completamento da parte dei Collaboratori. Se sei interessato a collaborare attivamente con Extrapedia, leggi come fare [ Collabora ]

L'Economia femminista è lo studio critico dell'Economia, con particolare attenzione alla ricerca economica inclusiva di genere e all'analisi politica. I ricercatori includono accademici, attivisti, teorici delle politiche e professionisti. La ricerca economica di molte femministe si concentra su argomenti che sono stati trascurati nel campo, come il “care work”, la violenza dei partner, o sulle teorie economiche che potrebbero essere migliorate attraverso una maggiore integrazione degli effetti e delle interazioni di genere. 1) Altre studiose si sono impegnate in nuove forme di raccolta e misurazione dei dati e più teorie di genere. L'Economia femminista è orientata verso l'obiettivo di “migliorare il benessere di bambini, donne e uomini nelle comunità locali, nazionali e transnazionali”.

Questi economisti richiamano l'attenzione sulle costruzioni sociali dell'Economia tradizionale, mettendo in discussione i parametri di positività e obiettività, e mostrando come i modelli e i metodi siano distorti da un'attenzione esclusiva alla mascolinità e un favore unilaterale di tutto ciò che è maschile, compresi i metodi associati. 2) Mentre l'economia tradizionalmente si concentrava sui mercati e le associate idee maschiliste di autonomia, astrazione e logica, gli economisti femministi richiedono una più completa esplorazione della vita economica, compresi argomenti “culturalmente femminili” come l'Economia familiare, e l'esame dell'importanza delle connessioni, concretezza ed emozioni nello spiegare i fenomeni economici.

Il libro di Marilyn Waring del 1988, “If Women Counted”, è spesso considerato il “documento fondatore” della disciplina. Negli anni '90 l'Economia femminista era diventata sufficientemente riconosciuta come sotto-campo all'interno dell'Economia per generare opportunità di pubblicazione di libri e articoli per i suoi professionisti.


Qualora alcuni link non funzionassero, si prega di comunicarlo allo Staff - staff@extrapedia.org


1)
Lourdes Benería, Ann M May (1956) - “Economia femminista”
2)
Marianne A Ferber, Julie Nelson (2003) - “Oltre l'uomo economico, dieci anni dopo” - Chicago university Press
db/economia_femminista.txt · Ultima modifica: 13/04/2019 16:04 (modifica esterna)